Al momento stai visualizzando Restauro e valorizzazione

Restauro e valorizzazione

Molte opere d’arte notificate vengono affidate dai proprietari (chiese, musei, ecc) a Scuole accreditate che provvedono al loro restauro su progetto approvato dalle competenti Soprintendenze.
L’iniziativa, denominata “Restauri con Sponsor“, vuole proporre a sponsor privati (aziende, persone fisiche e giuridiche) di favorire la conservazione di alcune opere d’arte, coprendo, anche in parte, le spese vive del loro restauro.
Poichè le spese di manodopera sono sostenute dalla Scuola che completa l’intervento con i propri docenti e studenti, si tratta quindi, nella maggior parte dei casi, di contributi minimi che coprono, a scelta dello Sponsor, le spese per l’intervento completo oppure per una fase del restauro (diagnostica, conservativo, estetico, valorizzazione) oppure per una parte dell’opera (Madonna, Bambino, Santo, ecc.).

La sponsorizzazione del restauro di un’opera d’arte notificata è regolata dall’art. 120 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. Le opere in restauro sono di proprietà di chiese, musei, dimore storiche. Ogni progetto di restauro deve essere anticipatamente autorizzato dalla competente Soprintendenza.
Lo sponsor, una volta scelta l’opera, definisce le forme di ritorno d’immagine con il proprietario (sponsee) e gli versa direttamente tutte le somme concordate per il restauro e per le iniziative pubblicitarie.
Lo sponsor può anche scegliere di suppportare il restauro dell’opera con una elargizione liberale, semplicemente versando al proprietario la somma che preferisce e rinunciando a qualsiasi vantaggio di pubblicizzazione.
Le ricevute dei versamenti vengono rilasciate dal proprietario dell’opera allo sponsor che può portarle in detrazione ai sensi della legge fiscale italiana.
Nessuna transazione finanziaria può passare attraverso la nostra Associazione che come Information Agent è autorizzata solo a comunicare le opportunità, né attraverso la Scuola dove l’opera viene restaurata.

Salvare anche una sola della miriade di opere in via di degrado, fosse pure un’opera di un autore minore, significa contribuire al concolidamento dell’immagine del nostro Paese come “superpotenza culturale nel mondo” e favorire la ricaduta occupazionale nella filiera dei beni culturali.

Visita l’elenco delle opere in restauro e manifesta il tuo interesse!

 

COMUNICAZIONE DELL’ISTITUTO PER L’ARTE E IL RESTAURO “PALAZZO SPINELLI” DI FIRENZE

Da sempre il nostro Istituto restaura gratuitamente le opere d’arte che gli vengono affidate dalle Soprintendenze (oltre 5.000 dal 1978). Tutti gli interventi vengono eseguiti nei laboratori dai nostri docenti e studenti. Non vi sono quindi spese di manodopera, ma solo alcune piccole spese per i materiali impiegati, spese che spesso le Soprintendenze non sono in grado di coprire a causa della cronica penuria di fondi ministeriali.

Per questi motivi siamo alla ricerca di sponsor privati (aziende, persone fisiche e giuridiche) che vogliono legare il loro nome alla conservazione di un’opera, contribuendo alle spese vive dei materiali: un piccolo investimento di grande amore per l’arte e spesso anche di buona visibilità.

Ogni opera ha una propria scheda di approfondimento (denominazione, proprietà, scheda artistica, progetto di restauro, ammontare della sponsorizzazione, benefici per lo sponsor).

Lascia un commento